LETTERATURA SPAGNOLA II

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
LETTERATURA SPAGNOLA (L-LIN/05)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Spagnolo

Obiettivi formativi

Il corso si propone di far acquisire agli studenti conoscenze approfondite delle linee essenziali della storia della letteratura spagnola del XVII secolo, che consentano di comprenderne i fenomeni letterari; mira, inoltre, all’acquisizione di metodologie interpretative da applicare, anche autonomamente, allo studio di autori e all’analisi dei testi presi in considerazione. In particolare, lo studente apprende a:
-conoscere i principali autori, opere, movimenti della narrativa spagnola del XVII;
-comprendere e analizzare testi poetici, drammatici e narrativi, in lingua originale, che presentano complessità stilistiche e tematiche;
-reperire autonomamente, comprendere e rielaborare criticamente informazioni sui temi trattati, utilizzando la bibliografia indicata;
-esprimere, in spagnolo, contenuti complessi, formulare analisi e giudizi sui testi, letterari e critici, e sui temi studiati, utilizzando un registro linguistico adeguato e il lessico specifico degli studi letterari (e corrispondente al livello B2);
-applicare le abilità sviluppate durante il corso ai testi letterari destinati allo studio individuale.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso riguarda il teatro spagnolo dal XVI al XVII secolo, di cui si studieranno i principali fenomeni letterari, gli autori e le opere più significative. Sarà dedicata particolare attenzione, durante le lezioni, al teatro de Lope de Vega e Calderón de la Barca. La prima parte del corso illustrerà le modalità del teatro del siglo XV e anteriore a Lope de Vega.
Agli studenti verrà richiesto, inoltre, lo studio individuale di un manuale di letteratura spagnola (che permetterà di approfondire la conoscenza del contesto storico-culturale, dei movimenti artistico-letterari e degli autori del periodo considerato), e di alcune opere narrative (in traduzione italiana o in spagnolo con testo italiano a fronte). L’elenco dettagliato delle opere si troverà nel programma d’esame, che sarà disponibile nel sito dell’Area di Lingue e Letterature Straniere a partire dall’inizio delle lezioni.

Bibliografia

- C. Alvar, J.-C. Mainer, R. Navarro, Storia della letteratura spagnola, 2
voll., Torino, Einaudi.
- C. Alvar, J. -C. Mainer, R. Navarro, Breve historia de la literatura española, Madrid, Alianza.
- Franco Meregalli, La civiltà spagnola, Mursia (dal Seicento all'Ottocento)
- P. L. Crovetto, Cultura spagnola, Roma, Editori Riuniti, 2007, pp. 9-117 (per la storia della cultura e letteratura).

Metodi didattici

Le lezioni frontali, tenute in spagnolo e in italiano, serviranno a presentare il contesto storico-culturale, gli autori e le opere selezionate, e a orientare lo studente nell’utilizzo della bibliografia di riferimento, che sarà poi approfondita autonomamente attraverso lo studio individuale; le lezioni serviranno, inoltre a introdurre i testi in lingua originale, che saranno letti e analizzati dal docente, stimolando tuttavia costantemente la partecipazione dello studente e un approccio autonomo alla comprensione dei fenomeni letterari e all’interpretazione dei testi.

Modalità verifica apprendimento

La verifica delle conoscenze e delle abilità avviene attraverso un esame orale in lingua spagnola e italiana. Le conoscenze e competenze oggetto della prova sono:

-la conoscenza del contesto storico-culturale, dei fenomeni letterari, di autori e testi del periodo preso in considerazione, ottenuta anche attraverso uno studio individuale e la rielaborazione autonoma dei contenuti;

-la capacità di leggere, comprendere e analizzare i testi letterari presentati durante il corso e quelli studiati individualmente, anche in modo originale e critico;

-una competenza orale in lingua spagnola corrispondente al livello B2, e la padronanza nell’uso di un registro e un lessico adeguati all’esposizione e discussione di temi letterari.

La prova orale mira a valutare l’acquisizione delle conoscenze e delle competenze sopraindicate, la capacità di approfondirle e rielaborarle in modo originale, e la capacità di applicarle autonomamente all’analisi del testo, e di esprimere giudizi critici, anche attraverso confronti e rielaborazioni originali.
Dunque, una valutazione di insufficienza è determinata dalla mancanza di una conoscenza dei contenuti minimi previsti dal corso e della capacità di rielaborarli, dalla mancanza di capacità di comprensione e analisi di testi complessi, della adeguata competenza orale in spagnolo e della capacità di reperire informazioni in modo autonomo e di formulare giudizi originali. Una valutazione sufficiente (18-23/30) è determinata dalla conoscenza dei contenuti minimi previsti dal corso, da una sufficiente capacità di comprensione e analisi di testi complessi, da una sufficiente competenza orale in spagnolo, da una sufficiente capacità di reperire informazioni in modo autonomo e di formulare giudizi personali. Una valutazione media (24-27/30) è determinata dal raggiungimento di un livello più che sufficiente (24-25/30) o buono (26-27/30) degli indicatori di valutazione sopraindicati. Una valutazione alta (da 28/30 a 30/30 e lode) è determinata dal raggiungimento di un livello da ottimo a eccellente degli stessi indicatori di valutazione.