LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA I (MOD. A)

Docenti: 
TORRE SANTOS Jorge
Crediti: 
6
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA (L-LIN/07)
Semestre dell'insegnamento: 
Annuale

Obiettivi formativi

1) Conoscenza e comprensione: gli studenti devono essere in grado di
identificare e interpretare i fenomeni oggetto di studio. 2) Capacità di
applicare conoscenza e comprensione: gli studenti devono essere capaci
di applicare autonomamente le conoscenze apprese durante le lezioni e
di esercitare un’autonomia di giudizio nella valutazione dei fenomeni
linguistici e testuali analizzati durante il corso. 3) Autonomia di giudizio:
gli studenti devono essere capaci di valutare in maniera autonoma i dati.
4) abilità comunicative: Gli studenti devono saper comunicare in lingua
spagnola e con appropriatezza pragmatica le conoscenze acquisite
durante lo svolgimento del corso. 5) Capacità di apprendimento: Gli studenti devono aver raggiunto l’autonomia che permette loro di
affrontare da soli nuovi testi (scritti e orali) e di interpretarli con gli
strumenti acquisiti.

Prerequisiti

Avere una buona conoscenza della propria lingua.

Contenuti dell'insegnamento

ll corso intende introdurre le principali nozioni sulla storia della lingua
spagnola e sui processi di formazione delle parole in spagnolo,
collegando operativamente le conoscenze ottenute nella lingua spagnola
e quelle della lingua madre in un contesto comunicativo. Lo studio sulla
storia della lingua spagnola e dei processi di formazione di parole verrà
affrontato sia dal punto di vista teorico che pratico e da una prospettiva
spesso contrastiva italiano-spagnolo, anche attraverso l’analisi e
commenti di testi.

Bibliografia

Alfonso d’Agostino, Storia della lingua spagnola, Milano, LED, 2001,
[ISBN] 88-7916-161-X. Il testo esiste anche in versione spagnola: Breve
historia de la lengua española, Milano, LED, 2013, [ISBN] 978-88-7916-
647-8. La scelta tra i due testi è facoltativa.
Félix San Vicente (dir. y coord.) Gramática de referencia para italófonos,
Gramática Contrastiva de Referencia. Español para italófonos. © 2015
by CLUEB, Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna, © 2015 by
EUS EDICIONES UNIVERSIDAD DE SALAMANCA, pp. 1415-1462, ISBN
97888-491-3902-ISBN 978-84-9012-508-3.
Altri riferimenti bibliografici verranno indicati durante lo svolgimento del corso.

Metodi didattici

Il corso si svolgerà mediante lezioni frontali ed esercitazioni pratiche, con
momenti di analisi e dibattito di documenti di diversa tipologia. Il docente
introdurrà lo studente nei fenomeni oggetto di studio attraverso la
bibliografia di riferimento del corso, nonché di materiali testuali o
audiovisivi resi disponibili attraverso la piattaforma ELLY

Modalità verifica apprendimento

La valutazione sommativa degli apprendimenti prevede due momenti:
1) Prova scritta dove viene richiesta una conoscenza della grammatica
(riguardante morfologia e sintassi), dettato.. Questa prova è propedeutica
all’orale.
2) Prova orale dove lo studente dimostra di conoscere i testi, gli autori e
le questioni formali relative al fenomeno linguistico in esame. Le
domande hanno come obiettivo verificare la conoscenza degli argomenti
trattati nonché la capacità di applicarla attraverso l’analisi del testo.
L’esame avviene in lingua italiana (con una domanda in spagnolo anche
al fine di verificare una competenza orale corrispondente a un livello
superiore al A2/B1) oppure viene svolta completamente in lingua
spagnola.
Per l’orale, la soglia di insufficienza è determinata dalla mancata
conoscenza dei contenuti, da un uso inadeguato del linguaggio specifico,
da un’elaborazione priva di rigore logico ed espositivo e dall’incapacità di
esprimersi in uno spagnolo superiore al livello A2/B1. La soglia
sufficiente (18-23/30) è determinata da una parziale conoscenza dei
contenuti e una capacità minima di applicazione e/o rielaborazione degli
stessi nonché dalla dimostrazione di possedere un livello linguistico con
tratti caratteristici del B1. Una valutazione tra il 24-27/30 e il 26-27/30 si
raggiunge grazie a una discreta / buona conoscenza dei contenuti,
dimostrando capacità di applicazione, esposizione articolata e un uso
adeguato del linguaggio specifico. La soglia più alta (dal 28/30 al 30/30 e
lode) si ottiene quando si dimostra di possedere un’ottima conoscenza
dei contenuti, applicazione autonome, originali e creative.

Altre informazioni

Le esercitazioni in lingua si terranno durante entrambi i semestri.